Focaccia con la Macchina del pane

Chi non conosce la focaccia? Io ho provato qualche ricetta prima di arrivare a trovare la formula giusta facendo qualche modifica qui e là.
Ecco la mia versione della focaccia, in casa nostra è stata apprezzata da tutti quelli a cui l’ho proposta avendo grande successo.
Questa è la versione impastata con la macchina del pane ma nulla vi impedisce di fare l’impasto a mano.
Gustatela calda, tiepida o fredda. Così com’è o farcita a vostro piacimento.

Ingredienti:
– 470 gr di farina Manitoba
– 5 gr di lievito di birra disidratato
– 1 cucchiaio di zucchero
– 230 gr di acqua a temperatura ambiente
– 115 gr di latte di riso a temperatura ambiente
– 45 gr di olio d’oliva
– 12 gr di sale
Per guarnire:
– Rosmarino
– Sale grosso
– Olio d’oliva

Procedimento:
1. Versate nel cestello della macchina del pane l’acqua, il latte di riso, l’olio d’oliva, il sale, lo zucchero, la farina e il lievito facendo attenzione che non entri in contatto diretto col sale.

Attenzione: se la vostra macchina del pane richiede che il lievito venga aggiunto per primo basta invertire l’ordine in cui inserite gli ingredienti.

2. Inserite il cestello nella macchina del pane e selezionate il programma “pasta lievitata”, quello specifico per il solo impasto con lievitazione.

3. Una volta terminato il programma stendete l’impasto in una teglia coperta con della carta forno. L’impasto sarà molto umido quindi stendetelo con le dita ben unte con dell’olio d’oliva.

4. Coprite la teglia con della carta trasparente e lasciate lievitare in forno spento con luce accesa per almeno 1 ora.

5. Finita la seconda lievitazione bucherellate la superficie della focaccia con le dita, stendete un filo d’olio d’oliva e cospargete con un po’ di sale grosso e il rosmarino.

6. Mettete nel fondo del forno preriscaldato a 180° una ciotola d’acqua per mantenere l’ambiente umido, infornate la focaccia e lasciate cuocere per 35/40 minuti.

Pan carré con la macchina del pane

IMG_4000.JPG

Questo tipo di pane è eccellente per fare toast e panini vari, per essere tostato la mattina con burro e marmellata o in versione bruschetta per spuntini e aperitivi.
Sofficissimo e facilmente conservabile per un paio di giorni in un sacchetto di stoffa.
Ecco la ricetta del versatilissimo pan carré con la nostra macchina del pane.

IMG_4003.JPG

Ingredienti per una pagnotta di 750 gr circa:
– 270 ml di acqua
– 1 e 1/2 cucchiaio di olio di girasole
– 1 e 1/2 cucchiaino di sale
– 1 cucchiaio di zucchero
– 2 cucchiai di latte in polvere
– 500 gr di farina Manitoba
– 1 e 1/2 cucchiaino di lievito di birra disidratato

Procedimento:
1. Inserite nel cestello della macchina del pane l’acqua, l’olio, il sale, lo zucchero e il latte in polvere.

2. Versate la farina e, per ultimo, il lievito faccendo sempre attenzione che non entri in contatto diretto col sale.

Attenzione: se la vostra macchina del pane richiede che il lievito venga aggiunto per primo basta invertire l’ordine in cui inserite gli ingredienti.

3. Inserite il cestello nella macchina del pane e avviate il programma per pane bianco.

Pane ai ceci con la macchina del pane

La macchina del pane è presente in molte delle nostre case, io per prima la utilizzo più volte la settimana.
Grazie a questa utilissima invenzione abbiamo eliminato quasi del tutto l’acquisto del pane (soprattutto il bauletto e il pan carrè), è sufficiente inserire gli ingredienti nel cestello, programmarla e al nostro rientro a casa troveremo un profumatissimo pane bello caldo.
Possiamo usarla anche solo per impastare il nostro pane, dargli la forma che preferiamo e concludere la cottura nel forno tradizionale.
Quindi mi sono detta: perchè non inserire anche qalche ricetta apposita per questo robot creando una sottocategoria dedicata?
Ecco qui una ricetta che ha riscosso successo a casa mia, il pane ai ceci è molto soffice e dura due giorni se conservato correttamente (io utilizzo un sacchetto di tela apposito).
Vi lascio alla ricetta senza ulteriori indugi.

IMG_3997.JPGIngredienti per una pagnotta da circa 750 gr:
– 100 ml di acqua
– 2 cucchiai di olio EVO
– 175 gr di ceci in scatola ben scolati
– 500 gr di farina Manitoba
– 220 ml di latte (a scelta tra scremato o vegetale)
– 1 cucchiaino e mezzo di sale
– 2 cucchiaini di zucchero (può essere sostituito dal miele)
– 1 cucchiaino e mezzo di lievito di birra disidratato (io mi trovo molto bene con quello della Paneangeli)

Procedimento:
1. Inserite nel cestello l’acqua, l’olio, il latte, il sale, lo zucchero e i ceci.

2. Adesso versate la farina e, per ultimo, il lievito facendo attenzione che non entri in contatto con il sale.

Attenzione: se la vostra macchina del pane richiede che il lievito venga aggiunto per primo basta invertire l’ordine in cui inserite gli ingredienti.

3. Avviate la cottura utilizzando il programma per pane bianco.

Focaccia rustica

Questa versione della focaccia è molto semplice e davvero buona, suggerita dalla mia grande amica Taty a cui vanno tutti i meriti per questa scoperta e con qualche piccola modifica di percorso per adattarla ai gusti di casa.
Non richiede grandi processi di lavorazione, l’unico inconveniente (se così vogliamo chiamarlo) è che bisogna avere pazienza con i tempi di lievitazione poichè più si lascerà l’impasto a riposo e più la focaccia risulterà morbida.
Nella ricetta io metto i tempi minimi di lievitazione, di solito preparo questa focaccia nella pausa pranzo e la lascio lievitare fino all’ora di cena cosi è pronta per essere stesa e infornata al mio rientro dal lavoro.
La focaccia può essere mangiata così come si presenta o farcita a piacimento con verdure, formaggi o affettati vari.
Di solito io la guarnisco con pomodorini freschi e origano o con del rosmarino fresco (come nella foto), poi una volta cotta ognuno farcisce la propria parte come preferisce e bastano altri 5 minuti in forno a 180° per avere una bella focaccia fumante.
Ecco la ricetta.

2015/01/img_8257.jpg
Ingredienti
– 300 ml di acqua
– 2 cucchiaini di sale
– 1 cucchiaio di zucchero di canna
– 2 cucchiai di olio d’oliva
– 200 gr di farina integrale
– 300 gr di farina 00 o di farro
– 1 bustina di lievito di birra disidratato
– 1 cucchiaio di semi di girasole
– 1 cucchiaio di semi di lino
– 1 cucchiaio di semi di sesamo
– 1 manciata di pomodorini secchi
Per guarnire
– Sale grosso
– Olio d’oliva
– Origano e qualche pomodorino fresco oppure rosmarino

Procedimento
Se, come me, possedete una planetaria o un’impastatrice vi basterà mettere tutti gli ingredienti nel recipiente e premere il pulsante per avere l’impasto pronto in pochi minuti.
Se preferite lavorare di mani (come la sopracitata amica che ha fornito la ricetta originaria) allora mescolate le due farine e versatele a fontana sul piano di lavoro.
Fate un buco al centro della fontana dove andrete a versare tutti gli altri ingredienti (tagliate i pomodorini secchi a pezzetti) stando attenti a non far entrare in contatto diretto il lievito e il sale.
Lavorate gli ingredienti fino ad ottenere un impasto omogeneo ed elastico, a questo punto mettete l’impasto in un recipiente e coprite con della pellicola trasparente.
Lasciate lievitare l’impasto al riparo da correnti d’aria e da sbalzi di temperatura, come sempre è consigliato il forno spento (meglio ancora se con la luce accesa), per almeno 2 ore finchè non sarà raddoppiato.
Terminata la lievitazione stendete l’impasto su una teglia ricoperta con carta forno e lasciate riposare altri 30 minuti.
Prima di infornare pressate la superfice della focaccia con le dita per creare delle conche, versate un po’ di olio d’oliva e qualche granello di sale grosso, finite di guarnire con gli ingredienti scelti.
Fate cuocere la focaccia nel forno preriscaldato a 190° per 35 minuti, aggiungete una vaschetta d’acqua nel forno per mantenere l’ambiente umido durante la cottura evitando che la focaccia si secchi.
Come sempre i tempi di cottura sono indicativi perchè possono variare a seconda del tipo di forno utilizzato.

Saccottini di pizza ripieni

I saccottini ripieni sono semplici da preparare.
Ottimi come merenda o come aperitivo con gli amici, possono essere farciti a seconda dei gusti, con prosciutto funghi o formaggio.
Ecco la ricetta!

/home/wpcom/public_html/wp-content/blogs.dir/a4e/78212198/files/2014/12/img_7962.jpg
Ingredienti
– Impasto per pizza (qui la ricetta)
– Pomodoro
– Mozzarella
– Condimento a piacere

Procedimento
Dividete l’impasto per pizza in 12 palline che andrete a schiacciare a disco.
Farcite il centro con un po’ di pomodoro, qualche cubetto di mozzarella e il condimento scelto.
Richiudete il disco formando un saccottino che andrete ad adagiare in uno stampo per muffin (vanno bene quelli in carta, quelli di silicone e anche quelli in metallo leggermente unti) con la parte della chiusura rivolta verso l’alto.
Guarnite i saccottini con qualche pezzo di pomodoro e dell’origano.
Informate in forno preriscaldato a 200° per 35/40 minuti.

Impasto per pizza

La pizza, assieme alla pasta, è uno dei piatti simbolo del nostro Paese.
Noi a casa ne mangiamo parecchia in tutte le forme e per tutti i gusti.
Questo che propongo oggi è l’impasto di base che potete farcire come più vi piace.
Bianca o al pomodoro, con verdure o affettati, ognuno può essere accontentato!
Questi sono gli ingredienti per ottenere l’impasto sufficiente a due teglie di pizza.

/home/wpcom/public_html/wp-content/blogs.dir/a4e/78212198/files/2014/12/img_7961-0.jpg
Ingredienti
– 330 ml di acqua
– 3 cucchiai di olio
– 2 cucchiaini di sale
– 300 gr di farina Manitoba
– 300 gr di farina 00
– 2 cucchiai di zucchero
– 1 cucchiaino di lievito di birra disidratato

Preparazione
Per prima cosa sciogliete il lievito nell’acqua con lo zucchero.
Setacciate la farina sul piano di lavoro formando una montagnola al centro della quale andrete a fare un buco.
Versate il lievito, l’olio e il sale al centro della farina e impastate fino ad ottenere una palla liscia.
Mettetela in una ciotola unta con un goccio d’olio e copritela con un panno umido lasciandola lievitare per due ore prima di utilizzarla, tenete la ciotola lontana da correnti d’aria o repentini sbalzi di temperatura per non disturbare la lievitazione, come sempre l’ideale è il forno spento con la luce accesa.
La cottura varia a seconda dell’utilizzo che ne fate, per la classica teglia di pizza è di 30/40 minuti a 200°. Buona regola sarebbe quella di mantenere l’ambiente del forno umido per evitare che la pizza si secchi: basta mettere una ciotola con acqua sul fondo (trucco imparato da un amico che di pizza se ne intende).

Impasto per pane

In precedenza avevo già inserito la ricetta per il pane allo yogurt (qui), questa è una formula altrettanto semplice e dal procedimento quasi identico.
Anche questo tipo di pane è morbido e croccante, potete giocare con tipologie di farina e ingredienti vari per renderlo sempre diverso.
È ottimo anche per la macchina del pane utilizzando il programma base.
Ecco la ricetta!

/home/wpcom/public_html/wp-content/blogs.dir/a4e/78212198/files/2014/12/img_7960.jpg
Ingredienti
– 100 ml di acqua
– 200 ml di latte
– 1 cucchiaio di zucchero
– 2 cucchiaini di sale
– 1 cucchiaio scarso di miele
– 250 gr di farina Manitoba
– 250 gr di farina 00
– 1 bustina di lievito di birra disidratato

Preparazione
Se non utilizzate una macchina del pane sciogliete il lievito nell’acqua assieme allo zucchero, versate la farina sul piano di lavoro creando un buco al centro dove andrete a versare gli altri ingredienti facendo attenzione che il sale non entri direttamente in contatto con il lievito.
Impastate tutto fino ad ottenere una palla liscia e compatta che andrete a mettere in una ciotola unta con un po’ d’olio è coperta da uno strofinaccio umido.
Mettete l’impasto a lievitare per un paio d’ore in un luogo caldo e asciutto lontano da correnti d’aria (l’ideale è nel forno spento con la luce accesa).
Una volta che l’impasto avrà raddoppiato il volume lavoratelo dandogli la forma desiderata (per il pane della foto io ho utilizzato la classica forma a treccia), se lo volete congelare basterà avvolgerlo in carta trasparente e riporlo nel congelatore.
Se volete utilizzarlo subito allora ricoprite una teglia con carta forno, adagiateci sopra il pane e lasciate riposare per 1 ora sempre in forno spento con luce accesa.
Trascorso questo tempo preriscaldate il forno a 180°, sbattete 1 uovo con 1 cucchiaio di latte e spennellateci il pane, se volete decorare con dei semi metteteli dopo aver spennellato l’uovo che farà da collante.
Informate per circa 30 minuti (il tempo può variare a seconda della grandezza dei vostri panini) fin quando il pane non risulterà dorato.

Pane allo yogurt

Il pane è un alimento immancabile nelle nostre tavole.
Ne esistono di tutti i tipi e per tutti i gusti.
Qui propongo una mia ricetta personale per un pane leggero e semplice.
Di solito io ne preparo un po’ di più, dando all’impasto la forma desiderata e congelando la pagnotta ancora cruda.
Prima di andare al lavoro tiro fuori il filone dal congelatore così basterà infornarlo una volta a casa e potrò mettere in tavola pane sempre fresco e diverso.
Questa è la ricetta del l’impasto di base, il pane potrà essere farcito come più ci piace con noci/rosmarino/pomodorini/zucca/semi vari/ olive/…
Vi lascio quindi alla ricetta!

IMG_7943-0.JPG
Ingredienti
– 100 ml di acqua a temperatura ambiente
– 1 cucchiaio di olio d’oliva
– 1 uovo
– 2/3 cucchiaini di sale
– 1 cucchiaio scarso di miele (rende la crosta più dorata e croccante)
– 180 gr di yogurt naturale non zuccherato
– 500 gr di farina (a scelta a seconda di come volete il pane, può essere 0/00/farro/kamut/integrale/… o anche combinate tra loro)
– 1 cucchiaino di lievito di birra disidratato (io mi trovo molto bene con quello della paneangeli con la confezione argentata)

Preparazione
Se, come me, avete una macchina del pane o un’impastatrice di qualche genere basterà buttarci dentro gli ingredienti a lasciare a lei il lavoro sporco.
Se vi volete sporcare le mani allora sciogliete il lievito nell’acqua, versate la farina sul piano di lavoro creando un buco al centro dove andrete a versare gli altri ingredienti facendo attenzione che il sale non entri direttamente in contatto col lievito.
Impastate tutto fino ad ottenere una palla liscia e compatta che andrete a mettere in una ciotola unta con un po’ d’olio è coperta da uno strofinaccio umido.
Mettete l’impasto a lievitare per un paio d’ore in un luogo caldo e asciutto lontano da correnti d’aria (l’ideale è nel forno spento con la luce accesa).
Una volta che l’impasto avrà raddoppiato il volume lavoratelo dandogli la forma desiderata (per il pane della foto io ho utilizzato la classica forma a treccia), se lo volete congelare basterà avvolgerlo in carta trasparente e riporlo nel congelatore.
Se volete utilizzarlo subito allora ricoprite una teglia con carta forno, adagiateci sopra il pane e lasciate riposare per 1 ora sempre in forno spento con luce accesa.
Trascorso questo tempo preriscaldate il forno a 180 gradi, sbattete 1 uovo con 1 cucchiaio di latte e spennellateci il pane, se volete decorare con dei semi metteteli dopo aver spennellato l’uovo che farà da collante.
Informate per circa 30 minuti (il tempo può variare a seconda della grandezza dei vostri panini) fin quando il pane non risulterà dorato.

La ricetta è personale, quindi se qualcuno volesse pubblicarla altrove dovrà fare riferimento al blog o riportare il link della ricetta.
Grazie.