Panettone

Anche quest’anno è arrivata la vigilia di Natale, quale ricetta migliore di quella del panettone?
Sta sera sarà sicuramente su tutte le tavole.
Questa è una ricetta relativamente veloce che ho provato l’altro giorno, per gusti personali non ho inserito i canditi anche se nella ricetta erano previsti, i tempi di cottura sono indicativi perché variano a seconda del forno quindi controllatela spesso.
Ecco la ricetta!

/home/wpcom/public_html/wp-content/blogs.dir/a4e/78212198/files/2014/12/img_8057.jpg

/home/wpcom/public_html/wp-content/blogs.dir/a4e/78212198/files/2014/12/img_8056.jpg
Ingredienti
– 250 gr di farina 00
– 250 gr di farina Manitoba
– 160 gr di zucchero
– una bacca di vaniglia o una fialetta di aroma
– 1 cucchiaino di malto (o di zucchero)
– 5 gr di sale
– 160 gr di burro
– 7 uova (4 intere e 3 tuorli)
– la scorza grattuggiata di un limone non trattato
– 6 gr di lievito di birra disidratato
– 60 gr di latte intero
– 120 gr di uvetta passita
– 40 gr di arancia candita
– 40 gr di cedro candito

Procedimento
Primo impasto: mescolate i tipi di farina tra loro.
Impastate in una ciotola il latte intiepidito, 3 gr di lievito, il cucchiaino di malto (o di zucchero) e 100 gr di farina fino ad ottenere un panetto che porrete in una ciotola coperta con carta trasparente.
Lasciate lievitare per 1 ora (fino al raddoppiamento del volume) in un luogo asciutto e caldo, lontano da sbalzi di temperatura e correnti d’aria (come sempre l’ideale è il forno spento con luce accesa).
Secondo impasto: aggiungete all’impasto precedente 180 gr di farina, i restati 3 gr di lievito e 2 uova a temperatura ambiente, lavorate il composto che dovrà risultare elastico e non appiccicoso.
A questo punto aggiungete 60 gr di zucchero e continuate a lavorare finchè lo zucchero non sarà assorbito bene dall’impasto.
Adesso aggiungete 60 gr di burro ammorbidito un po’ alla volta facendolo assorbire bene dal composto che, alla fine, dovrà essere ancora elastico e non eccessivamente appiccicoso da rendere difficile la lavorazione.
Rimettete l’impasto a lievitare nella ciotola coperta da carta trasparente per 3/4 ore (fino a quando raddoppia di volume).
Terzo impasto: lavorare leggermente il composto e aggiungete la restante farina, 2 uova inetere e i 3 tuorli a temperatura ambiente, ammalgamate bene il tutto.
Ora aggiungete lo zucchero rimanente, i bacelli della bacca di vaniglia (o la fialetta di aroma) e il sale facendo assorbire tutto al composto, poi fate la stessa cosa col burro rimanente a temperatura ambiente.
Quando il composto sarà omogeneo aggiungete la buccia del limone, l’uvetta e i canditi, lavorate fino a quando gli ingredienti non saranno ben ammalgamati (l’impasto dovra essere leggermente appiccicoso ma non liquido).
Riponete nuovamente nella ciotola coperta con carta trasparente a lievitare per 3/4 ore (sempre fino a raddoppiamento del volume).
Quarto impasto: quando il composto sarà ben lievitato lavoratelo aiutandovi con una spatola e trasferitelo in uno stampo per panettoni, lasciate lievitare ancora per 2 ore (fino a quando non raggiunge il bordo dello stampo).
Cottura: incidete la sommità del panettone con un coltello affilato formando una croce al centro della quale andrete a mettere un cubetto di burro.
Infornate nella parte bassa del forno a 200° per 10 minuti (mettete nel forno una vaschetta di acqua che manterà l’umidita impedendo al panettone di seccarsi troppo durante la cottura).
Trascorsi i 10 minuti abbassate la temperatura del forno a 190° e continuate la cottura per altri 10 minuti.
Adesso abbassate ulteriormente la temperatura del forno a 180° e cuocete per circa 40 minuti coprendo il panettone con della carta alluminio se si scurisce troppo.
Controllate bene la cottura prima di sfornare il panettone e se necessario proseguire fino a quando l’interno non risulterà ben cotto.

Crostata al cacao ripiena con ricotta, mascarpone e gocce di cioccolato

Questa è una crostata molto golosa e sempre apprezzata (almeno fino ad ora nessuno l’ha mai rifiutata a casa mia).
Per capire quanto è buona dovete solo provarla quindi vi lascio alla ricetta.

/home/wpcom/public_html/wp-content/blogs.dir/a4e/78212198/files/2014/12/img_8022.jpg
Ingredienti
– 1 panetto di pasta frolla al cacao (qui trovate la mia ricetta)
– 250 gr di ricotta
– 250 gr di mascarpone
– 100 gr di zucchero
– gocce di cioccolato

Procedimento
Mescolate la ricotta col mascarpone e lo zucchero fino ad amalgamare il tutto e poi unite le gocce di cioccolato mescolando un altro po’.
Stendete la pasta frolla in due dischi di cui uno leggermente più grande rispetto alla tortiera che andrete ad utilizzare per poter formare i bordi della crostata.
Ricoprire la tortiera con della carta da forno, stendete il disco più grande e
bucate il fondo della torta con una forchetta affinché non si formino bolle d’aria durate la cottura.
Stendete la crema uniformemente e ricoprite col secondo disco di pasta frolla sigillando bene i bordi.
Praticate qualche buchetto anche sul disco di copertura.
Infornate a 180° per 30 minuti.
Una volta che la crostata si sarà raffreddata rimuovetela dalla teglia e cospargete con zucchero a velo.
Più piccola sarà la tortiera e più alta verrà la crostata, in ogni caso sarebbe bene non superare i 25 cm di diametro.

Questa crostata si conserva in frigo coperta con della carta alluminio per un paio di giorni.

Tiramisù ai pandistelle

Il tiramisù è conosciuto universalmente, ne esistono infinite versioni e quella coi pandistelle è decisamente una delle più golose.
Ammetto che ero scettica la prima volta che l’ho fatto ma dopo averlo assaggiato mi sono decisamente ricreduta.
Ecco la ricetta che usiamo a casa mia dove questo dolce è particolarmente apprezzato.

/home/wpcom/public_html/wp-content/blogs.dir/a4e/78212198/files/2014/12/img_7988.jpg
Ingredienti
– 200 ml di acqua
– 2 cucchiai di caffè solubile
– 2 uova
– 2 cucchiai di zucchero
– 250 gr di mascarpone
– 3 cucchiai di panna fresca
– 150 gr di biscotti pandistelle (o qualsiasi altra marca vi piaccia, in commercio ce ne sono molti di simili)
– cacao

Procedimento
Fate bollire l’acqua e sciogliete i due cucchiai di caffè solubile.
Mentre il caffè si raffredda preparate la crema, montate gli albumi a neve e metteteli da parte.
Sbattete i tuorli con lo zucchero e la panna fino ad ottenere un composto spumoso e poi amalgamate il mascarpone.
Aggiungete delicatamente gli albumi e mescolare fino ad ottenere una crema omogenea.
Bagnate i biscotti nel caffè e ricopriteci il fondo di una pirofila, versate uno strato di crema e poi fate un altro strato di biscotti.
Coprite il tutto con la crema rimasta e spolverate col cacao (amaro o zuccherato come preferite).
Coprire la pirofila con carta alluminio e lasciare a riposo in frigo almeno tre ore.
Conservate il tiramisù ai pandistelle in frigo per un paio di giorni al massimo.

Torta all’arancia

Ormai sono cominciate le giornate fredde, quindi perché non gustare una bella torta profumata e dal sapore delicato di arancia assieme ad una bella tazza di tè o di cioccolata calda?
Ecco la semplicissima e velocissima ricetta!

/home/wpcom/public_html/wp-content/blogs.dir/a4e/78212198/files/2014/12/img_7953.jpg
Ingredienti
– 75 gr di burro ammorbidito
– 250 gr di zucchero
– 3 uova
– 2 arance non trattate
– 300 gr di farina 00
– 1/2 bustina di lievito per dolci
– 1 bustina di vanillina
– 1 pizzico di sale

Procedimento
Grattugiate la scorza delle arance e spremetene il succo.
Sbattete il burro con lo zucchero, le uova ed il sale fino ad ottenere un composto spumoso.
Aggiungete il succo delle arance e la scorza grattugiata.
Una volta che il composto sarà ben amalgamato aggiungete la farina setacciata con il lievito e la vanillina e mescolate fino ad ottenere un impasto omogeneo.
Versate l’impasto in una pirofila ricoperta con carta da forno e infornate a 180° per 40/45 minuti ricordandovi di fare la prova dello stuzzicadenti prima di sfornare.

La torta all’arancia si conserva coperta con carta stagnola o sotto una campagna di vetro per 2/3 giorni.

Nutellotti

Ultimamente spopolano in rete, a grande richiesta ho provato a farli per la cena del sabato sera in famiglia e sono stati un successo.
Buoni, velocissimi è molto semplici.
Ecco la ricetta per 20 nutellotti.

IMG_7935.JPG
Ingredienti
– 180 gr di Nutella
– 150 gr di farina
– 1 uovo

Preparazione
Sbattete la Nutella con l’uovo fino ad ottenere una crema omogenea.
Amalgamate la farina un po’ alla volta fino ad ottenere un panetto compatto.
Dividete in 20 palline e disponetele su una teglia foderata con carta forno.
Schiacciate leggermente le palline e praticate un foro al centro utilizzando il manico di un cucchiaio di legno.
Infornate a 150° per 15 minuti.
Sfornate e lasciate raffreddare poi decorate con la Nutella aiutandovi con una siringa o una saccapoche.

Conservateli in una scatola chiusa ermeticamente o sotto una campana di vetro.

La Pectina

La pectina, nota anche come Fruttapec per via della famosa marca, è un gelificante naturale presente nella frutta molto usato nella preparazione di confetture e marmellate.
Permette di diminuire la quantità di zucchero e di accorciare i tempi di cottura consentendo alla frutta di conservare maggiormente i propri principi nutritivi e mantenendo i colori più accesi.
Mi è capitato di vedere chi compra frutta biologica al supermercato (o meglio ancora usa quella dei propri alberi) e poi si fornisce di bustina chimica per gelificare il tutto…non mi sembra proprio il massimo.
Farsi la pectina in casa è semplice e soprattuto economico visto che si utilizzano le parti di scarto.
Basta tenere in un sacchetto bucce e torsoli di mele e pere, gli scarti delle centrifughe di frutta o la polpa che si accumula nello spremiagrumi quando ci facciamo una spremuta.
Si può conservare il sacchetto nel congelatore finché non si raggiunge la quantità desiderata.
Ecco la semplicissima ricetta.

/home/wpcom/public_html/wp-content/blogs.dir/a4e/78212198/files/2014/12/img_7967.jpg
Ingredienti
– 1 kg di bucce e torsoli di mele o pere e polpa di scarto di agrumi
– il succo di un limone
– acqua

Preparazione
Frullate gli scarti della frutta, metteteli in una pentola e aggiungete il succo di limone.
Ricoprite con l’acqua e fatte cuocere a fuoco lento per due ore mescolando di tanto in tanto.
Al termine della cottura filtrate con un colino a maglie sottili e un canovaccio pulito.
Quando tutto il liquido sarà filtrato lasciate raffreddare e congelate nei contenitori per i cubetti del ghiaccio.

Utilizzo
2/3 cubetti ogni chilo di frutta.

Torta rustica di mele

Un’altra versione della torta di mele che mi piace molto è quella rustica.
Morbida e dolce con una strato croccante in superficie.
Ovviamente facile e veloce da preparare (ieri sera l’ho preparata all’ultimo minuto per una cena con amici, mi mancava l’uvetta ma è venuta ugualmente buona), ideale per qualsiasi momento della giornata.
Ecco la ricetta.

/home/wpcom/public_html/wp-content/blogs.dir/a4e/78212198/files/2014/12/img_7966.jpg
Ingredienti
– 4 mele
– 2 uova
– 200 gr di zucchero
– 200 gr di farina
– 100 gr di burro
– 1 limone non trattato
– 200 ml di latte
– 1 bustina di lievito per dolci
– 1 cucchiaino di cannella (facoltativo)
– 1 pizzico di sale
– 1 bustina di vanillina
– 1 manciata di pinoli
– 1 manciata di uvetta
– zucchero a velo

Preparazione
Mettete in ammollo l’uvetta in acqua calda.
Fate sciogliere il burro e lasciate intiepidire mentre preparate le mele.
Sbucciate le mele, togliete il torsolo e tagliatele a fettine piccole.
Bagnatele col succo di limone per evitare che anneriscano.
In un contenitore sbattere le uova con lo zucchero fino a creare un composto spumoso, a questo punto aggiungete il burro e amalgamate.
Unite la scorza grattugiata del limone, la cannella, il latte, il lievito, la vanillina, il sale e la farina setacciata.
Mescolate delicatamente fino ad ottenere un composto liscio e senza grumi.
Adesso aggiungete le mele, i pinoli e l’uvetta scolata.
Versate il composto in una teglia coperta con carta forno, spolverate con lo zucchero a velo e se vi piace anche con mezzo cucchiaino di cannella, infornate a 180° per 50/55 minuti facendo la prova dello stuzzicadenti prima di sfornare.
Se la crosta che si forma in superficie si dovesse scurire troppo coprite la torta con carta alluminio e continuate la cottura.

Questa torta di conservare coperta con carta alluminio o in un contenitore di vetro per 2/3 giorni.