Insaporitore

L’insaporitore è più o meno usato in cucina, io non lo usavo molto prima di cominciare a farmelo in casa.
Adesso lo uso un po’ ovunque: su carne, pesce e verdura.
Non è complicato da preparare ma, come per il dado, richiede pazienza per i tempi di essiccazione.
Ecco la ricetta di quello che uso io, ognuno può variare la formula secondo i propri gusti modificandolo a piacimento.

2015/01/img_8286.jpg

/home/wpcom/public_html/wp-content/blogs.dir/a4e/78212198/files/2014/12/img_7965.jpg
Ingredienti
– 1 carota
– 1 pezzo di sedano
– 1 scalogno
– 1 spicchio d’aglio
– 3 foglie di alloro
– 1 rametto di maggiorana
– 1 rametto di timo
– 5 foglie di salvia
– 1 cucchiaino di peperoncino
– erba cipollina a piacere
– 2 bacche di ginepro
– 1 rametto di rosmarino
– 1 rametto di origano
– 1 cucchiaino di cumino

Preparazione
Frullate tutto assieme con l’aggiunta del 50% del peso in sale.
Versate il preparato in una padella antiaderente e fate asciugare il tutto per una decina di minuti.
Lasciate intiepidire, disponete l’insaporitore nei cestelli dell’essiccatore e fate asciugare completamente (se potete regolare la temperatura del vostro essiccatore vi consiglio di mantenerla sui 50°. In alternativa potete utilizzare il forno ma tenete presente che dovrà restare acceso molte ore).
A questo punto frullate tutto fino ad ottenere una polvere sottile e conservate in barattoli di vetro chiusi ermeticamente.

L’insaporitore si conserva per un anno.

La ricetta è personale quindi se qualcuno volesse pubblicarla altrove dovrà fare riferimento al blog o riportare il link della ricetta.
Grazie.

Torta di mele della zia

Ho sempre avuto un debole per la torta di mele, quella di mia zia è in assoluto la mia preferita.
Oggi pubblico la sua ricetta per una torta di mele eccezionale, facile e molto veloce.
Ottima sia tiepida che fredda per una colazione o per una merenda.

/home/wpcom/public_html/wp-content/blogs.dir/a4e/78212198/files/2014/12/img_7964.jpg
Ingredienti
– 3 mele
– il succo di 1 limone
– 100 gr di burro
– 100 gr di zucchero
– 2 uova
– 180 gr di farina 00
– 1 bustina di lievito per dolci
– 1 bustina di vanillina
– 1 pizzico di sale

Preparazione
Tagliate le mele a pezzetti e mettetele in una terrina col succo di limone e due cucchiai di zucchero.
Lavorate le uova con il burro fuso, lo zucchero e il sale fino ad ottenere un composto spumoso.
Aggiungete la farina setacciata con il lievito e la vanillina mescolando fino ad ottenere un composto omogeneo.
A questo punto aggiungete le mele e versate il composto in una teglia non più grande di 24 cm di diametro.
Infornate a 180° per 30 minuti facendo la prova dello stuzzicadenti prima di sfornare la torta.
Lasciate raffreddare e cospargete di zucchero a velo.
Questa torta si conserva in un contenitore o coperta con carta alluminio per 2/3 giorni.

La ricetta è personale quindi se qualcuno volesse pubblicarla altrove dovrà fare riferimento al blog o riportare il link della ricetta.
Grazie.

Torta al limone

La torta al limone piace sempre, ha un gusto delicato e può essere servita in ogni occasione dalla colazione al dopocena.
Io ho provato questa versione venerdì sera ed è piaciuta quindi la ripropongo anche a voi, si crea una crosticina sopra che è veramente buona.
Veloce e molto semplice da preparare, ecco la ricetta.

/home/wpcom/public_html/wp-content/blogs.dir/a4e/78212198/files/2014/12/img_7963.jpg
Ingredienti
– 300 gr di farina 00
– 3 uova
– 300 gr di zucchero
– 100 gr di burro
– 3 limoni non trattati
– 1 bicchiere di latte
– 1 bustina di lievito per dolci
– 1 pizzico di sale
– zucchero a velo per guarnire

Preparazione
Sbattete i tuorli con il burro fuso, il sale e lo zucchero fino ad ottenere un composto spumoso.
A questo punto aggiungete il succo dei limoni, la buccia grattugiata e il latte.
Continuate a mescolare finché non sarà tutto amalgamato.
Aggiungete poco alla volta la farina setacciata con il lievito, quando il composto sarà omogeneo aggiungete delicatamente gli albumi montati a neve.
Versate il composto in uno stampo di circa 24 cm imburrato e infarinato e infornate a 160° per 30 minuti (fate sempre la prova dello stuzzicadenti prima di sfornare la torta perché la cottura varia a seconda del forno utilizzato).
Sfornate la torta e una volta raffreddata cospargetela di zucchero a velo.
Questa torta si conserva in un contenitore o coperta con carta alluminio per 2/3 giorni.

Saccottini di pizza ripieni

I saccottini ripieni sono semplici da preparare.
Ottimi come merenda o come aperitivo con gli amici, possono essere farciti a seconda dei gusti, con prosciutto funghi o formaggio.
Ecco la ricetta!

/home/wpcom/public_html/wp-content/blogs.dir/a4e/78212198/files/2014/12/img_7962.jpg
Ingredienti
– Impasto per pizza (qui la ricetta)
– Pomodoro
– Mozzarella
– Condimento a piacere

Procedimento
Dividete l’impasto per pizza in 12 palline che andrete a schiacciare a disco.
Farcite il centro con un po’ di pomodoro, qualche cubetto di mozzarella e il condimento scelto.
Richiudete il disco formando un saccottino che andrete ad adagiare in uno stampo per muffin (vanno bene quelli in carta, quelli di silicone e anche quelli in metallo leggermente unti) con la parte della chiusura rivolta verso l’alto.
Guarnite i saccottini con qualche pezzo di pomodoro e dell’origano.
Informate in forno preriscaldato a 200° per 35/40 minuti.

Impasto per pizza

La pizza, assieme alla pasta, è uno dei piatti simbolo del nostro Paese.
Noi a casa ne mangiamo parecchia in tutte le forme e per tutti i gusti.
Questo che propongo oggi è l’impasto di base che potete farcire come più vi piace.
Bianca o al pomodoro, con verdure o affettati, ognuno può essere accontentato!
Questi sono gli ingredienti per ottenere l’impasto sufficiente a due teglie di pizza.

/home/wpcom/public_html/wp-content/blogs.dir/a4e/78212198/files/2014/12/img_7961-0.jpg
Ingredienti
– 330 ml di acqua
– 3 cucchiai di olio
– 2 cucchiaini di sale
– 300 gr di farina Manitoba
– 300 gr di farina 00
– 2 cucchiai di zucchero
– 1 cucchiaino di lievito di birra disidratato

Preparazione
Per prima cosa sciogliete il lievito nell’acqua con lo zucchero.
Setacciate la farina sul piano di lavoro formando una montagnola al centro della quale andrete a fare un buco.
Versate il lievito, l’olio e il sale al centro della farina e impastate fino ad ottenere una palla liscia.
Mettetela in una ciotola unta con un goccio d’olio e copritela con un panno umido lasciandola lievitare per due ore prima di utilizzarla, tenete la ciotola lontana da correnti d’aria o repentini sbalzi di temperatura per non disturbare la lievitazione, come sempre l’ideale è il forno spento con la luce accesa.
La cottura varia a seconda dell’utilizzo che ne fate, per la classica teglia di pizza è di 30/40 minuti a 200°. Buona regola sarebbe quella di mantenere l’ambiente del forno umido per evitare che la pizza si secchi: basta mettere una ciotola con acqua sul fondo (trucco imparato da un amico che di pizza se ne intende).

Impasto per pane

In precedenza avevo già inserito la ricetta per il pane allo yogurt (qui), questa è una formula altrettanto semplice e dal procedimento quasi identico.
Anche questo tipo di pane è morbido e croccante, potete giocare con tipologie di farina e ingredienti vari per renderlo sempre diverso.
È ottimo anche per la macchina del pane utilizzando il programma base.
Ecco la ricetta!

/home/wpcom/public_html/wp-content/blogs.dir/a4e/78212198/files/2014/12/img_7960.jpg
Ingredienti
– 100 ml di acqua
– 200 ml di latte
– 1 cucchiaio di zucchero
– 2 cucchiaini di sale
– 1 cucchiaio scarso di miele
– 250 gr di farina Manitoba
– 250 gr di farina 00
– 1 bustina di lievito di birra disidratato

Preparazione
Se non utilizzate una macchina del pane sciogliete il lievito nell’acqua assieme allo zucchero, versate la farina sul piano di lavoro creando un buco al centro dove andrete a versare gli altri ingredienti facendo attenzione che il sale non entri direttamente in contatto con il lievito.
Impastate tutto fino ad ottenere una palla liscia e compatta che andrete a mettere in una ciotola unta con un po’ d’olio è coperta da uno strofinaccio umido.
Mettete l’impasto a lievitare per un paio d’ore in un luogo caldo e asciutto lontano da correnti d’aria (l’ideale è nel forno spento con la luce accesa).
Una volta che l’impasto avrà raddoppiato il volume lavoratelo dandogli la forma desiderata (per il pane della foto io ho utilizzato la classica forma a treccia), se lo volete congelare basterà avvolgerlo in carta trasparente e riporlo nel congelatore.
Se volete utilizzarlo subito allora ricoprite una teglia con carta forno, adagiateci sopra il pane e lasciate riposare per 1 ora sempre in forno spento con luce accesa.
Trascorso questo tempo preriscaldate il forno a 180°, sbattete 1 uovo con 1 cucchiaio di latte e spennellateci il pane, se volete decorare con dei semi metteteli dopo aver spennellato l’uovo che farà da collante.
Informate per circa 30 minuti (il tempo può variare a seconda della grandezza dei vostri panini) fin quando il pane non risulterà dorato.

Crostata di frutta

La crostata di frutta è un dolce realizzabile tutto l’anno.
In estate si ha a disposizione più tipi di frutta e più colori ma anche in autunno si può creare una torta leggera e buona.

/home/wpcom/public_html/wp-content/blogs.dir/a4e/78212198/files/2014/12/img_7957.jpg
Ingredienti

– frutta sufficiente a decorare la crostata  
– il succo di un limone
– un panetto di pasta frolla (qui la ricetta)
– crema pasticciera (qui la ricetta)
– gelatina per la copertura (buona quella in buste della Paneangeli a cui basta aggiungere acqua e zucchero)

Preparazione
Pulite la frutta e tagliatela a fettine sottili che metterete a mollo in una ciotola di acqua fredda con il succo di limone affinché non annerisca.
Stendete la pasta frolla in un disco che andrete ad adagiare su una tortiera per crostate ricoperta con corta da forno.
Togliete i bordi in eccesso e bucherellate il fondo con una forchetta (eviterà che la crostata si gonfi durante la cottura).
Infornate la pasta frolla nel forno preriscaldato a 180° per 25 minuti (finchè non sarà ben dorata), sfornatela e lasciatela raffreddare.
Stendete la crema su tutta la superficie della crostata e poi disponete la frutta creando una decorazione a piacere (sbizzaritevi coi colori dei vari frutti).
Come ultimo passaggio versate la gelatina sopra la frutta e riponete nel frigorifero per almeno un paio d’ore prima di servire.

La crostata di frutta si conserva in frigorifero coperta con carta alluminio per un paio di giorni.

/home/wpcom/public_html/wp-content/blogs.dir/a4e/78212198/files/2014/12/img_7958.jpg

/home/wpcom/public_html/wp-content/blogs.dir/a4e/78212198/files/2014/12/img_7959.jpg

Crostata di mele e crema pasticciera

La crostata di mele è una delle mie preferite in assoluto, con l’aggiunta della crema pasticciera diventa ancora più buona.
Adatta ad ogni momento della giornata, dalla colazione al dopo cena.
Ecco qui la ricetta facile facile!

/home/wpcom/public_html/wp-content/blogs.dir/a4e/78212198/files/2014/12/img_7956.jpg
Ingredienti
– 3/4 mele
– il succo di un limone
– un panetto di pasta frolla (qui la ricetta)
– crema pasticciera (qui la ricetta)
– zucchero a velo

Preparazione
Sbucciate e tagliate a fettine le mele e mettetele a mollo in una ciotola di acqua fredda con il succo di limone affinché non anneriscano.
Tenete da parte un pezzetto di pasta frolla e stendete il resto in un disco che andrete a stendere su una tortiera per crostate ricoperta con corta da forno.
Togliete i bordi in eccesso e bucherellate il fondo con una forchetta (eviterà che la crostata si gonfi durante la cottura).
Stendete la crema su tutta la superficie della crostata e poi disponete le mele a raggiera.
Spolverizzate le mele con dello zucchero a velo affinché si caramellino durante la cottura.
Con la pasta restante formate dei cordoncini che andrete a disporre sulla crostata formando un reticolato (la classica decorazione delle crostate).
Infornate in forno preriscaldato a 180 gradi per 40 minuti.
Questa crostata è ottima servita sia tiepida che fredda.

La crostata di mele e crema pasticciera si conserva in frigorifero coperta con carta alluminio per un paio di giorni.

Crema pasticciera

La crema pasticciera: usata in innumerevoli dolci ma quasi sempre comprata in buste solubili già pronte.
Eppure farla non è difficile e non richiede tempi lunghi.
Ecco la ricetta!

/home/wpcom/public_html/wp-content/blogs.dir/a4e/78212198/files/2014/12/img_7955.jpg
Ingredienti
– 200 ml di latte
– 50 ml di panna fresca
– 3 tuorli
– 70 gr di zucchero
– 20 gr di amido di mais
– una bacca di vaniglia

Preparazione
Versate il latte e la panna in un pentolino, incidete la bacca di vaniglia ed estraete i semi che andrete ad aggiungere al latte assieme alla bacca.
Portate il latte a sfiorare il bollore a fuoco basso.
In un altro tegame versate i tuorli, lo zucchero e l’amido di mais.
Lavorate il composto con una frusta fino ad ottenere una crema omogenea, poi aggiungete il latte a filo continuando a mescolare.
Cucinate a fuoco basso finché la crema non si sarà addensata.

La crema pasticciera si conserva in frigorifero.

Pasta frolla

Dopo la versione al cacao non poteva mancare la ricetta per la pasta frolla classica.
Questa non è la ricetta tradizionale, è la mia versione, quella che ho rielaborato secondo i miei gusti ed è quella che uso per tutte le miei preparazioni dalle crostate ai biscotti.
Ecco qui la ricetta!

/home/wpcom/public_html/wp-content/blogs.dir/a4e/78212198/files/2014/12/img_7954.jpg
Ingredienti
– 85 gr di burro freddo
– 1 uovo
– la scorza grattugiata di un limone
– 1 cucchiaio di succo di limone
– 1 pizzico di sale
– 100 gr di zucchero
– 1 bustina di vanillina
– 1 cucchiaino di lievito per dolci
– 250 gr di farina 00 (se volete renderla più croccante sostituite 20 gr di farina 00 con farina di mais)

Preparazione
In una ciotola sbattete l’uovo con il sale, la buccia di limone e il succo.
Sul piano di lavoro setacciate la farina con il lievito, lo zucchero e la vanillina formando una montagnola al centro della quale farete un buco.
Versate nella cavità il burro a pezzetti e l’uovo, lavorate velocemente fino ad ottenere una palla liscia e omogenea.
Prima di utilizzare la pasta frolla lasciatela riposare almeno 30 minuti in frigo avvolta in carta trasparente.
È importante lavorare velocemente la pasta per evitare di sciogliere troppo il burro col calore delle mani.

La ricetta è personale, quindi se qualcuno volesse pubblicarla altrove dovrà fare riferimento al blog o riportarne il link.
Grazie.