Plumcake di mele con farina semintegrale

Questa torta mi piace molto, ammetto che ho dovuto fare qualche tentativo per trovare la dose giusta di burro, il primo tentativo mi era venuto troppo “carico” e il secondo troppo secco.
Il colorito scuro di questo plumcake è dato dalla farina di tipo 2 utilizzata e dallo zucchero di canna integrale.
Ho provato a farla anche con la farina di tipo 1 e il gusto non ne risente minimamente.
Provata e testata da grandi e piccini.

20180930_195907.jpg

Ingredienti:
– 110 gr di burro a pezzetti a temperatura ambiente
– 70 gr di zucchero di canna integrale
– 160 gr di farina tipo 2
– 3 uova
– 1 cucchiaino e mezzo di lievito per dolci
– 1 mela grande
– 1 cucchiaino di estratto di vaniglia

20180930_175651.jpg

Procedimento:
1. Montare il burro con lo zucchero e poi aggiungere le uova una alla volta continuando a mescolare fino ad ottenere un composto omogeneo.

2. Aggiungere il lievito, l’estratto di vaniglia e la farina continuando a mescolare fino a quando non si avrà un composto ben amalgamato. L’impasto sarà bello compatto.

20180930_180534

20180930_180755 - Copia

3. Trasferire l’impasto in uno stampo da plumcake foderato con carta forno (va bene anche lo staccante che trovate qui, provato)

4. Sbucciare la mela e tagliarla a fettine da disporre in fila.

20180930_182126.jpg

5. Infornare in forno preriscaldato a 180° per circa 30 minuti. Prima di sfornare fare la prova dello stecchino. Aspettare che il dolce si sia raffreddato del tutto e poi spostarlo su un piatto, cospargere di zucchero a velo prima di servire.

Annunci

Pane semintegrale al latte

Questo è un pane dal sapore un po’ rustico e dalla crosta croccante. Molto semplice e saporito, ottimo da presentare a tavola nei pasti o da farcire a piacimento, si presta bene sia al dolce che al salato.
Si può sostituire la farina semintegrale con un mix composto da metà farina tipo 0 e metà Manitoba.

20181001_190304.jpg

Ingredienti:
– 500 gr di farina tipo 2
– 260 ml di latte a temperatura ambiente
– 1 cucchiaino di lievito di birra disidratato
– 1 cucchiaino di malto d’orzo (può essere sostituito da 1 cucchiaio raso di zucchero)
– 1 cucchiaino di sale
– 70 ml di olio EVO

20181001_132324.jpg

Procedimento:
1. Aggiungere il lievito e il malto al latte e mescolare fino a sciogliere il tutto.

20181001_132940.jpg

2. Versare la farina in una ciotola, aggiungere il composto di latte e lievito, il sale e l’olio impastando fino ad ottenere un panetto liscio e compatto.

20181001_133557.jpg

3. Riporre l’impasto in una ciotola, incidere la superficie con un coltello e lasciare a riposo per almeno 3 o 4 ore al riparo da sbalzi di temperatura e correnti d’aria (perfetto il forno spento).

20181001_133640.jpg

20181001_171817.jpg

4. Lavorare brevemente l’impasto ricavandone delle palline. Disporre le palline in una teglia coperta con carta forno e lasciare a riposo per almeno 1 ora coprendo con uno strofinaccio pulito.

20181001_172701.jpg

20181001_182123.jpg

5. Infornare in forno preriscaldato a 180° per circa 20/25 minuti. A piacere si può spennellare il pane con un uovo sbattuto con latte prima di infornare.

Torta della nonna

Un classico che più classico non si può. Chi non conosce questa torta?
Eppure resta sempre uno dei dolci più apprezzati e di successo.
Potrete trovare infinite versioni e varianti di questa ricetta, questa che propongo è quella che uso io.

20180929_124146.jpg

Ingredienti:
Frolla:
– 430 gr di farina 00
– 2 uova
– 200 gr di burro freddo tagliato a pezzetti
– 1 cucchiaino di estratto di vaniglia (in alternativa 1 bustina di vanillina)
– mezzo cucchiaino di lievito per dolci
– un pizzico di sale
Crema:
– 750 ml di latte
– la buccia di 1 limone o un cucchiaino di estratto di vaniglia
– 3 uova
– 5 cucchiai rasi di zucchero
– 6 cucchiai di farina 00
Decorazione:
– Albume per spennellare
– Pinoli
– Zucchero a velo

Procedimento:
1. Per prima cosa preparare la frolla. Alla farina aggiungere il lievito e il sale. Poi unire il burro, le uova e l’estratto di vaniglia lavorando l’impasto velocemente fino ad ottenere un panetto liscio ed omogeneo che va avvolto in pellicola trasparente e lasciato a riposo in frigorifero per 3 ore.

20180928_233854

20180928_234308.jpg

2. Nel frattempo preparare la crema. Scaldare il latte con la buccia di limone fino a sfiorare il bollore (se invece avete scelto l’estratto di vaniglia aspettate ad inserirlo nel passaggio successivo).
Mentre il latte si scalda versare le uova in una ciotola con lo zucchero e la farina (aggiungere adesso l’eventuale estratto di vaniglia) lavorando con una frusta fino ad ottenere una crema liscia e prima di grumi.

20180928_231825

3. Eliminare la buccia del limone ed unire il latte alla crema di uova mescolando continuamente per non creare grumi. Trasferire il composto nella pentola e portare sul fuoco. Continuare a mescolare finché la crema non si sarà addensata (ci vorranno pochi minuti).
Trasferire la crema in una ciotola e coprire con pellicola trasparente a contatto per evitare che si formi la pellicina in superficie. Lasciar intiepidire.

20180928_232614.jpg

4. Stendere poco più di metà della frolla in un cerchio di circa 4 mm di spessore e adagiarlo su una teglia da crostata imburrata e infarinata. Bucherellare il fondo con una forchetta.

20180929_080700.jpg

5. Versare la crema sulla crostata. Stendere il resto della frolla in un disco leggermente più sottile del precedente e stenderlo sulla crostata. Sigillare bene i bordi e bucherellare la superficie aiutandosi con uno stuzzicadenti. Spennellare la crostata con l’albume e cospargere sopra i pinoli.

20180929_080917

20180929_082416.jpg

6. Infornare in forno preriscaldato a 170° per 35 minuti più ulteriori 10 minuti con calore solo dal basso. Una volta sfornata lasciare raffreddare completamente prima di toglierla dallo stampo. Cospargere con zucchero a velo prima di servire.

20180929_091126.jpg

Con l’impasto avanzato vengono fuori degli ottimi biscotti.

20180929_095024.jpg

Riciclo avanzi di grigliata (sugo con Moulinex Cuisine Companion)

Che buone le grigliate, molto spesso però ci restano degli avanzi da smaltire il giorno dopo.
Questa è la ricetta di un sugo molto semplice e versatile. Io oggi l’ho usato per preparare le lasagne al forno ma è gustoso anche come condimento di una semplice pasta.
Circa un anno fa si è aggiunto alla mia cucina il robottino della Moulinex, ammetto di usarlo spesso ed è innegabile che sia un grande aiuto.
Oggi propongo una ricetta cucinata proprio con questo piccolo aiutante ma è semplicissimo eseguirla anche con le pentole tradizionali e un frullatore (in fondo alla ricetta trovate qualche indicazione).
Non metterò le dosi esatte degli ingredienti perché variano a seconda della quantità di avanzi di carne a disposizione.

20181001_135714.jpg

Ingredienti:
– Avanzi di carne grigliata
– Sedano
– Carote
– Cipolla
– Passata di pomodoro
– Sale
– Zucchero
– Olio EVO

20181001_124352.jpg

Procedimento:
1. Tagliare a pezzetti il sedano, la carota e la cipolla. Versarli nella pentola del robot con la lama Ultrablade. Aggiungere l’olio e avviare il programma Slow Cook P1.

20181001_124159.jpg

2. Aggiungere la carne tagliata grossolanamente e avviare il programma Slow Cook P1 aumentando il tempo a 8 minuti.

20181001_125400 - Copia.jpg

3. Frullare la carne per 1 minuto a velocità 10.

20181001_130604.jpg

4. Aggiungere la passata di pomodoro, regolare col sale e aggiungere un po’ di zucchero per contrastare l’acidità del pomodoro. Mescolare per 30 secondi a velocità 8.

20181001_131002.jpg

5. Avviare la cottura a velocità 2, temperatura 100°, tempo 45 minuti. Durante la cottura lasciare il tappino del coperchio sollevato.

20181001_131015.jpg

Se non avete un elettrodomestico simile potete far soffriggere il soffritto in una padella, poi aggiungete la carne e fate cucinare per qualche minuto.
Frullate con l’aiuto di un frullatore e trasferite in una pentola dove aggiungerete la passata di pomodoro, il sale e lo zucchero facendo cucinare il sugo per circa 45 minuti.

Crostata al cacao con ricotta e cioccolato

Questa è decisamente una crostata molto golosa, devo ancora trovare qualcuno che non l’apprezzi. Attenzione però perché può creare dipendenza e una fetta tira l’altra.
Per creare la griglia in foto ho utilizzato un apposito stampo che si trova in commercio ma si può tranquillamente fare delle strisce di pasta frolla e disporle sulle crostata.

IMG-20180922-WA0000(1).jpg

Ingredienti:
– pasta frolla al cacao (qui trovate dosi e ricetta)
– 100 gr di cioccolato fondente
– 500 gr di ricotta
– 100 gr di zucchero
– 1 uovo
– 1 cucchiaino di essenza di vaniglia

Procedimento:
1. Stendere due terzi della pasta frolla in un disco di circa 6 mm, adagiarlo in una teglia da crostata imburrata facendo aderire bene i bordi. Tagliare le parti di pasta in eccesso e riporle in frigo assieme al resto dell’impasto.

2. Bucherellare il fondo dell’impasto con una forchetta e coprire con carta forno, riempire di legumi secchi e infornare in forno preriscaldato a 175° per 20 minuti. Trascorso il tempo, rimuovere la carta forno coi legumi e continuare la cottura per altri 5 minuti. Estrarre dal forno e lasciar raffreddare.

3. Nel frattempo preparare la crema di ricotta. Porre la ricotta in una ciotola, aggiungere lo zucchero, l’uovo e l’estratto di vaniglia e lavorare con una frusta fino ad ottenere una crema liscia.

4. Sminuzzare il cioccolato e aggiungerlo alla crema di ricotta mescolando fino ad amalgamare il tutto.
Versare la crema sulla base della crostata, stendere il resto della pasta frolla e ricavare delle strisce con cui creare la classica griglia sulla vostra crostata.

5. Infornare nuovamente in forno preriscaldato a 175° per 15/20 minuti. Una volta raffreddata, porla in frigo per almeno 3 o 4 ore prima di servire.

Con la pasta frolla eventualmente avanzata potete ricavare degli ottimi biscotti.

IMG-20180922-WA0001(1).jpg

Pizza con Lievito Madre

Prima cosa da sapere: se vi piace avere impasti con tempi di lievitazione molto brevi questa ricetta non fa per voi (in questo caso qui trovate la variante con il lievito di birra).
Gli impasti con lievito madre hanno tempi di lievitazione lunghissimi…biblici direi. Questo impasto ha una lievitazione totale di 2 giorni anche se è possibile accorciare un po’ i tempi.
Seconda cosa da sapere: il risultato vale l’attesa. Un impasto con questo lievito è molto più leggero e digeribile di uno ottenuto con lievito di birra.
Nella ricetta di questa pizza io utilizzo la farina tipo 1 ma potete usare tranquillamente quella che preferite,che sia 0 o 00, un mix con Manitoba o una tipo 2 (non garantisco con l’integrale perché devo ancora provarla ma mi riservo di modificare l’articolo appena lo faccio). Unico accorgimento: state attenti all’acqua che aggiungete poiché ogni farina assorbe i liquidi in maniera differente.

20180925_200350.jpg

Ingredienti:
– 320 ml di acqua a temperatura ambiente (come dicevo sopra, regolatevi col tipo di farina utilizzata, potrebbe volercene un po’ in più come in meno)
– 3 cucchiai di olio EVO
– 1 cucchiaino di sale
– 500 gr di farina tipo 1
– 1 cucchiaino di malto d’orzo (può essere sostituito con 1 cucchiaio di zucchero)
– 150 gr di lievito madre rinfrescato

Procedimento:
1. In una ciotola versare l’acqua, il lievito madre e il malto d’orzo mescolando il tutto (il lievito non si scioglierà del tutto ma va bene così).

2. Unire il composto di lievito e acqua alla farina, aggiungere l’olio e il sale impastando fino ad ottenere un panetto liscio ed omogeneo.

3. Lasciare riposare il panetto sulla spianatoia per 30 minuti coprendolo con un canovaccio. Passata la mezzora piegarlo su se stesso fino ad ottenere una palla che metterete a riposare in una ciotola coperta con pellicola trasparente. Ponete la ciotola in frigo per la prima lievitazione che durerà tutta la notte.

20180924_210914.jpg

4. La mattina seguente estrarre l’impasto dal frigo e lasciarlo riposare a temperatura ambiente per almeno 6 ore. Passate le ore di riposo lavorare nuovamente l’impasto e ridargli la forma di una palla che lasceremo nuovamente a riposo in una ciotola coperta con carta trasparente per almeno 12 ore. Questa volta a temperatura ambiente (il forno spento è il luogo perfetto).
Volendo questo passaggio si può saltare e al termine delle 6 ore si può stendere l’impasto direttamente in teglia ma il risultato finale sarà leggermente più pesante.

20180925_122223.jpg

5. Finita anche la seconda lievitazione si può stendere l’impasto in teglia e lasciarlo a riposo per le ultime 6 ore.
20180925_123155.jpg
Farcire la pizza come preferiamo e infornare in forno preriscaldato a 200° per circa 30 minuti aggiungendo la mozzarella e l’origano negli ultimi 5 minuti di cottura. Durante la cottura ponete un pentolino con dell’acqua in forno, manterrà umido l’ambiente evitando che impasto e condimenti si secchino.
Attenzione al tempo di cottura che può variare in base alle dimensioni delle vostre pizze.

Torta morbida alle pesche

Questa torta è stata un vero successo, apprezzata dalle amiche (mie critiche più fidate), dal compagno, dalla figlia e dalla suocera.
Di solito non sono mai soddisfatta del mio primo tentativo con una ricetta, invece questa è un “buona la prima”.
Veloce, semplice e buonissima, ecco la ricetta.

20180924_134040.jpg

Ingredienti:
– 150 gr di farina 00
– 125 gr di zucchero
– 150 gr di burro ammorbidito
– 2 o 3 pesche
– 125 gr di yogurt alla pesca
– 3 uova
– mezza bustina di lievito per dolci
– 1 pizzico di sale

20180924_123804.jpg

Procedimento:
1. Lavorare il burro con lo zucchero fino ad ottenere un composto spumoso, poi aggiungere le uova una alla volta amalgamandole bene all’impasto.

2. Unire la farina, il lievito e il sale. Per ultimo, aggiungere lo yogurt e mescolare fino a quando l’impasto non sarà liscio e omogeneo.

3. Versare il composto in una teglia imburrata e infarinata (in alternativa qui trovate la ricetta per fare lo staccante). Sbucciare e tagliare a fette le pesche disponendole sulla torta.

20180924_134731.jpg

4. Infornare in forno preriscaldato a 170° per 35 minuti facendo la prova dello stecchino. Una volta raffreddata sformare la torta (mi raccomando non prima perché è molto morbida) e cospargere di zucchero a velo.

20180924_133619.jpg

 

Crackers con esubero di Pasta Madre

Chi utilizza il lievito madre sa bene che, ad ogni rinfresco, capita di ritrovarsi con un esubero della nostra Pasta Madre.
Ieri pomeriggio ho rinfrescato la mia e mi sono ritrovata con un piccolo esubero che non volevo buttare, ho ricavato degli ottimi crackers che sono spariti durante la cena.
Ecco la ricetta base che potete personalizzare aggiungendo erbe aromatiche come il rosmarino, semi come il sesamo o spezie come la paprika.

20180923_175302.jpg

Ingredienti:
– 150 gr di lievito madre non rinfrescato
– 80 gr di farina (quella che preferite, ottima la 1 e la 2)
– 30 ml circa di acqua (ogni farina assorbe acqua in maniera differente)
– 1 cucchiaio di olio EVO
– 1 cucchiaino di sale
– 1 cucchiaino di malto d’orzo (può essere sostituito con 1 cucchiaino raso di zucchero)

Procedimento:
1. Mettere il lievito madre in una ciotola, aggiungere l’acqua e il malto mescolando.

2.Aggiungere la farina, l’olio e il sale e impastare fino ad ottenere un panetto liscio ed omogeneo. Mettere il panetto in una ciotola e coprire con carta trasparente. Lasciar riposare per almeno 2 ore (perfetto il forno spento).

3. Stendere l’impasto in un rettangolo sottile da cui ricavare dei rettangoli più piccoli. Disporre i crackers in una teglia coperta da carta forno e lasciar riposare 30 minuti.

4. Infornare in forno preriscaldato a 200° per circa 10 minuti (la cottura può variare leggermente in base alla grandezza dei vostri crackers).

TORTA KINDER BUENO

Una torta tanto bella da vedere quanto buona da mangiare, estremamente semplice e veloce da preparare.
Ecco la ricetta.

torta.jpg

Ingredienti:
Torta
– 250 gr di farina 00
– 50 gr di cacao amaro
– 150 gr di zucchero
– 4 uova
– 4 cucchiai di latte
– 150 gr di burro fuso
– 1 bustina di lievito per dolci
– 1 bustina di vanillina
Farcia
– 1 confezione di Nutkao bianca
– nutella q.b.
– kinder bueno

Preparazione:
– Mettere in una ciotola le uova con lo zucchero e montare con le fruste fino ad ottenere una consistenza spumosa, aggiungere il burro e il latte continuando a mescolare.

– Aggiungere la farina setacciata con il cacao un po’ alla volta. Quando il composto sarà uniforme unire anche il lievito e la vanillina.

– Versare l’impasto in uno stampo furbo (vedi immagine qui sotto) precedentemente imburrato e infarinato (qui trovate il mio staccante per torte) e infornare nel forno preriscaldato a 175° per 20/25 minuti. Come sempre fare la prova dello stuzzicadenti prima di tirare fuori la torta.
stampo-furbo.jpg

– Quando la torta sarà completamente fredda, rovesciarla su un piatto. Versare la Nutkao livellandola uniformente e decorare con la nutella e i kinder bueno.

torta1.jpg

Gelato allo yogurt e pesca

Ricetta semplicissima per un gelato da fare al momento. Morbido e cremoso.
Io ho usato le pesche che avevo in casa ma si possono sostituire con la frutta che preferite.
Tutto quello che vi occorre è un frullattore potente in grado di tritare il ghiaccio.
Potete trovare la versione per Monsieur Cuisine qui.

Ingredienti:
– 200 gr di pesche già pulite
– 150 gr di yogurt bianco o alla vaniglia
– 2 cucchiai di zucchero a velo

Procedimento:
1. Tagliare le pesche a cubetti piccoli e riporle nel congelatore per almeno 12 ore.

2. Versare lo yogurt in cubetti per il ghiaccio (quelli per l’acqua) e riporre nel congelatore anche questo per almeno 12 ore.

3. Versare le pesche e lo yogurt congelati nel frullatore e frullare grossolanamente.

4. Aggiungere lo zucchero a velo e riprendere a frullare fino ad ottenere una consistenza cremosa.

5. Disporre il gelato nelle coppette e servire subito.